lunedì 3 ottobre 2022

Verona-Udinese 1-2: i friulani ribaltano gli scaligeri

Il risultato finale tratto dal profilo Facebook dell'Udinese
Infinita Udinese. I friulani conquistano la sesta vittoria in campionato e riescono nuovamente a rimontare il risultato inizialmente sfavorevole mandando all'inferno un Verona di cuore ma in netto affanno nella ripresa.
La vince soprattutto Sottil quando in campo getta la qualità di Samardzic e Arslan che con giocate di spessore tre punti ai bianconeri. Una sconfitta pesante forse anche per la panchina di Cioffi che incassa la terza sconfitta consecutiva.
Il Verona scende in campo con il 3-4-2-1 marchio di fabbrica del suo tecnico. Linea mediana composta da Tameze e Veloso, che prende il posto di Ilic, al centro. Sulla trequarti Verdi scalza Lasagna e affianca Piccoli con Henry davanti a tutti. L'Udinese risponde con il classico 3-5-2 che sta dando grandi soddisfazioni. A centrocampo sugli esterni ci sono Pereyra e Udogie, mentre al centro spazio per Makengo, Walace e Lovric. Sorpresa in attacco con Deulofeu e Success a guidare il reparto avanzato.
Partenza sprint dei friulani che hanno subito una buona occasione con Makengo, destro che sorvola la traversa di Montipò.
E' una partita molto bella, due squadre che si affrontano sul ritmo, fioccano le occasioni ed è il Verona che passa. Sul traversone di Lazovic la palla in contrasto tra Piccoli e Bijol si alza in campanile e prima che tocchi terra il sinistro di Doig è chirurgico e batte Silvestri sul palo opposto: gran gol.
L'Udinese ha subito l'opportunità per il pareggio ma il destro di Pereyra sull'assist di Becao è respinto con i pugni da Montipò. Clamoroso poi l'errore di Deulofeu che non riesce di testa a deviare il pallone a pochi metri da Montipò. Poi un gran destro di Veloso dal limite va a colpire in pieno la schiena del direttore di gara per l'ovvia disperazione del centrocampista portoghese. Non c'è un attimo di pausa. Fronte opposto, gran destro dalla distanza di Walace, attentissimo in tuffo Montipò nella respinta. Verona che va al riposo avanti grazie al secondo gol in campionato di Doig.
Stessi effettivi in avvio nella ripresa. L'Udinese, però, fatica a trovare spazio e a cambiare ritmo e allora Sottil decide un triplo cambio gettando nella mischia Ebosse, Samardzic e Beto.
E' l'Udinese a fare la partita, la fisicità di Beto mette subito sugli attenti la difesa scaligera. Un sinistro di Samardzic accarezza il palo alla destra di Montipò, ora i friulani attaccano a testa bassa. E il pareggio arriva grazie ai suoi uomini di qualità. Samardzic inventa per Deulofeu che ammorbidisce per Beto, che di destro la piazza nel sacco. Ora l'inerzia è tutta degli ospiti e Cioffi corre ai ripari togliendo gli stanchissimi Lazovic e Verdi. Anche l'Udinese sembra, tuttavia, alle corde.
I ritmi altissimi si fanno sentire ma il colpo del kappao è dell'Udinese, grazie alla testata di Bijol sulla punizione di Samardzic. (fonte: ANSA)

Il tabellino della partita:
VERONA-UDINESE 1-2 (1-0)

Marcatori: 22' Doig (V), 70' Beto (U), 93' Bijol (U).
Verona: Montipò, Ceccherini, Gunter, Hien, Lazovic (72' Hrustic), Veloso, Tameze, Doig (83' Lasagna), Verdi (72' Depaoli), Piccoli (62' Kallon), Henry (83' Djuric). All.: Cioffi.
Udinese: Silvestri, Becao, Bijol, Perez (57' Ebosse), Pereyra, Lovric (67' Arslan), Walace, Makengo (57' Samardzic), Udogie, Success (57' Beto), Deulofeu (80' Nestorovski). All.: Sottil.
Arbitro: Minelli di Varese.
Ammoniti: Veloso, Henry, Depaoli (V); Perez, Becao, Pereyra (U).
Spettatori: 15.352.

lunedì 28 febbraio 2022

Eccellenza: spettacolo a Gorizia, scatto del Portogruaro

L'articolo su Pro Gorizia-Ponziana de "Il Piccolo", edizione goriziana
L'Eccellenza friulana ha visto nel girone A cadere la capolista Chions per 1-0, sconfitta in casa dalla Spal Cordovado (Pavan), quarta in classifica. Dietro ne approfitta solo il Tricesimo, che regola 2-1 il Fiume Bannia ultimo in classifica, mentre il Brian Lignano viene bloccato sullo 0-0 in casa del Rive D'Arcano. Infine va al Fontanafredda la sfida in casa del Tamai, decisa da Portaro nella ripresa. E, domenica prossima, big-match al "Teghil" della cittadina di mare friulana, con il Lignano che affronterà proprio il Chions.
Nel girone B, il Torviscosa mantiene la testa della classifica superando 2-1 l'Ancona Lumignacco e allunga in testa alla classifica, sfruttando il clamoroso 3-3 tra Pro Gorizia e Chiarbola Ponziana: avanti per primi i giuliani con Montestella, pareggia Grion, allungo ospite di Casseler e Menichini ma, a metà ripresa, nuovo pareggio grazie alle reti di Lucheo e Gubellini.
In Veneto, nel girone A domina la scena il Villafranca Verona (16 vittorie su 17 partite), che ha ulteriormente allungato (+9) sul Montecchio Maggiore, sconfitto 2-1 dal Montorio.
Il girone B e C sono molto più combattuti: nel primo comanda il Giorgione con due punti sull'Arcella, nel secondo sfida tra 'nobili decadute', con il Portogruaro che scavalca il Sandonà, fermato a Caorle, ma occhio anche al rinato Treviso, a soli quattro punti dalla vetta e travolgente in casa del Liapiave con il punteggio di 5-0.

Risultati e classifiche di Eccellenza Friuli e Veneto, da "Il Gazzettino"

domenica 27 febbraio 2022

Verona-Venezia 3-1: la tripletta del 'cholito' segna il derby

Il risultato finale dal profilo Facebook del Verona
Il Verona non sbaglia nel derby veneto con il Venezia e vince 3-1 grazie alla tripletta del 'cholito' Simeone, che rompe il digiuno e torna a timbrare il cartellino dall'ormai lontano 12 dicembre 2021, salendo a quota 15 centri in campionato.
Gialloblù che raggiungono quota 40 punti in classifica, mentre i lagunari, a cui non basta la fiammata nel finale di Okereke, scendono al terzultimo posto in zona retrocessione.
Gara equilibrata e combattuta quella del Bentegodi, almeno nel primo tempo, con gli ospiti che si fanno vedere per primi con un tiro di Haps respinto da Montipò, salvato più tardi sulla linea da Lazovic in occasione di un colpo di testa di Okereke da corner.
I padroni di casa ci provano prima con Simeone (impreciso) poi con Faraoni (parata centrale di Romero), ma al 26' è ancora il Venezia a sfiorare il vantaggio con un tiro smorzato di Ceccaroni e salvato da un attento Montipò.
Nella ripresa il Verona parte meglio e in poco piu' di un quarto d'ora spacca la partita con una doppietta di Simeone, che torna a segnare dopo due mesi e mezzo trovando i suoi primi due gol del 2022.
Il Venezia però non molla e nel finale riaccende le proprie speranze con la fiammata di Okereke, che anticipa di testa Faraoni sul cross di Johnsen firmando il 2-1. Gioia che dura pochi istanti, perché a ridosso del 90' ci pensa ancora Simeone a mettere il punto esclamativo al match, realizzando la sua tripletta personale su assist di Lasagna che chiude la sfida sul 3-1. (fonte: AGI)

Il tabellino della partita:
VERONA-VENEZIA 3-1 (0-0)

Marcatori: 54', 62' e 88' Simeone (Ver); 81' Okereke (Ven).
Verona: Montipò, Retsos (5' Ceccherini), Coppola, Sutalo, Faraoni, Tameze, Ilic, Lazovic (87' Depaoli), Barak (61' Lasagna), Caprari (87' Bessa), Simeone. All.: Tudor.
Venezia: Romero, Ceccaroni, Ampadu, Caldara, Crnigoj (67' Vacca), Busio (79' Tessmann), Cuisance, Haps (67' Johnsen), Okereke, Henry, Aramu (67' Nani). All.: Zanetti.
Arbitro: Sacchi di Macerata.
Ammonito: Caldara (Ven).
Spettatori: 14.298.